• » News
  • » ASMARA, CATTEDRALI e SINAGOGHE

ASMARA, CATTEDRALI e SINAGOGHE

Eritrea fede e architettura. 18eri

ASMARA, CATTEDRALI e SINAGOGHE
Le cattedrali, la moschea e la sinagoga. Fedi diverse, ma un unico stile quello del razionalismo modernista del periodo coloniale italiano che cambiò per sempre il volto di Asmara, capitale dell’Eritrea.

la capitale dell'Eritrea offre degli edifici molto interessanti dal punto di vista architettonico e della fede.

Le cattedrali, la moschea e la sinagoga. Fedi diverse, ma un unico stile quello del razionalismo modernista del periodo coloniale italiano che cambiò per sempre il volto di Asmara, capitale dell’Eritrea.

LA CATTEDRALE DELL'ASMARA
La prima residenza missionaria organizzata ad Asmara fu un piccolo tucul ed una chiesetta dedicata a San Marco, realizzata dai Padri Cappuccini nel 1895. 
Questa chiesetta fu demolita nel 1922 quando iniziarono i lavori di costruzione dell'attuale cattedrale, su progetto dell'architetto Scanavini in stile romanico-lombardo.
La cattedrale venne consacrata alla Beata Vergine del Rosario nella capitale dell’Eritrea.
Essa fu costruita tra il 1921 e il 1923 dal primo vicario apostolico dell’Eritrea, con l’assistenza delle autorità coloniali italiane. Oggi è una delle chiese cattoliche orientali in comunione con la chiesa di Roma e sede della metropolitana chiesa cattolica eritrea. Roma.
L’edificio e' il piu' grande esempio esistente al mondo di architettura lombarda; i suoi affreschi interni sembrano eseguiti lo stesso giorno in cui li si ammira, per la loro freschezza e luminosita'.
La cattedrale fa parte di grande complesso comprendente un asilo infantile, il teatro Santa Cecilia e la grande tipografia dei fratelli capuccini e un convento, presenti sin dalla costruzione iniziale dell’edificio. 
L'edificio si compone di tre navate con transetto e tre absidi, misura 40 metri di lunghezza, 25 di larghezza e 25 fino alla lanterna coronata da una statua dell’arcangelo Gabriele. L’iniziatore della costruzione fu monsignor Camillo Francesco Carrara, vescovo titolare di Agatopoli e primo vicario apostolico d’Eritrea.

Una grande lapide posta all’interno dell’edificio ricorda i benefattori dell’edificio tra questi l’allora primo ministro Benito Mussolini e altre personalità importanti dell’epoca. La pala d’altare con l’Assunzione di Maria del pittore romano Carlo Maratta è stata donata dal re d’Italia Vittorio Emanuele III di Savoia. Più tardi cominciò la costruzione del campanile (oltre 52 metri) opera portata a termine nel 1925 dopo la morte di Carrara. Le campane sono otto e sono state ricavate dai cannoni austro-ungarici catturati nella prima guerra mondiale. La più grande pesa 38 quintali. 

ENDA MARIAM-LA CATTEDRALE ORTODOSSA DI SANTA MARIA
Si tratta della cattedrale ortodossa della capitale dell’Eritrea e si trova in via Arbate Asmara. L’edificio di culto, uno dei grandi edificio religiosi della città, è stato costruito durante il periodo coloniale italiano. Originariamente si trattava di una chiesa molto semplice (lunga 7 metri) in muratura a testa di scimmia che culminava con una croce ortodossa.
Nel 1920 l'architetto italiano Ernesto Gallo fu incaricato di edificare una nuova chiesa, più imponente, per via dell’aumento della popolazione. Il 27 settembre 1938 venne posata la prima pietra dell’edificio attuale in stile razionalista modernista caratterizzato da due imponenti torri laterali. La chiesa ha una piante rettangolare e la facciata in mattoni rossi a pietre e strisce orizzontali alternate che richiamano il legno e la pietra tipici dell’architettura aksumita, ed è decorata da 7 grandi mosaici colorati con figure di santi, sovrastati da croci ortodosse.

KIDANE MEHRET-la cattedrale della capitale
Kidane Mehret nella via Adi Quala è la chiesa che contiene la cattedra dell’arcieparca della capitale. Il termine Kidane Mehret in lingua eritrea significa “Patto della Misericordia” e si riferisce alla tradizione etiopica che narra di una promessa di Gesù a sua madre con la garanzia del perdono dei peccati a chiunque avesse invocato l’intercessione della Vergine. 
Se la beata Vergine del Rosario era la chiesa di riferimento per i cattolici europei, Kidane Mehert lo era invece per i cattolici locali.
Kidane Mehert, oggi, è l’unica vera cattedrale della capitale dell’Eritrea.

LA MOSCHEA PROGETTATA DALL'ARCHITETTO ITALIANO
Ad Asmara è magnifica la moschea dei califfi, la più grande di tutta la città. Situata in viale Harnet è uno dei più importanti edifici religiosi della capitale, progettata dall’architetto italiano Guido Ferrazza e costruita nel 1938 per volere di Benito Mussolini che voleva impressionare la popolazione locale.
La moschea incorpora e fonde in sé gli elementi tipici dell’architettura islamica con gli stili del razionalismo italiano e del neoclassicismo, ispirandosi alle precedenti edificazioni coloniali di Tripoli.
Il minareto, situato nella parte posteriore dell’edificio, si slancia un basamento alto che ricorda una colonna romana, visibile a tutta la città: è caratterizzato da due balconi, in stile rococò italiano o tardo barocco. Ai piedi del minareto la moschea dispone di un portico esterno realizzato nella forma di loggia neoclassica suddivisa in tre parti e colonne arrotondante. Le colonne sono in travertino di Decamerè*, mentre i capitelli sono in marmo di Carrara, la grande cupola centrale è un cemento e vetro. Decorata con elementi islamici domina l’interno della grande moschea caratterizzata da semplici volte su 42 colonne decorate.

*Decamerè è una città dell'Eritrea, a sud-est di Asmara situata a 2060 metri sul livello del mare. Fiorente centro industriale durante la colonizzazione italiana e nota per i suoi vigneti in virtù del clima mite dovuto all'altitudine e alla piovosità annua.

LA SINAGOGA
È un piccolo gioiello anche la sinagoga, realizzata nel 1906 per la comunità ebraica della capitale dell’Eritrea. La facciata è in stile neoclassico ed è ricoperta da mosaici in ceramica bianca caratterizzata da in rosone centrale con la stella di Davide a fianco due nicchie coi rappresentativi menorah e la torah. L’edificio è circondato da mura chiuse da un cancello in ferro battuto con decorazione ebraiche.

La redazione di AemmeViaggi
[Richiedi informazioni]
[Richiedi ulteriori informazioni senza impegno]
  • [Digita il codice di controllo]
  • [(*) I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.]
[Inserisci un commento]
[Commento]
[nik name]
[Voto]
[Nessuno] 1 2 3 4 5
Menu
[Aemme Viaggi Via Fiamme Gialle, 57 - 38037 Predazzo (TN) – Italy Tel +39 0462 502355 Fax +39 0462 502042 e-mail: info@aemmeviaggi.it.
Carta di credito]
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Privacy PolicyOK