Comunità ebrea a Gerusalemme

Comunità ebrea a Gerusalemme
next
Rifiutando la politica del loro governo e del sionismo, gli ebrei ortodossi vivono ai margini della società israeliana. Rifiutano di servire nell'esercito israeliano, dal quale sono stati esenti sino a poco tempo fa, quando una parte della classe politica sta cercando di imporre loro la leva. Senza contare però sulla loro mobilitazione. In Israele e altrove. Per oltre mezzo secolo, l'obiettivo dei leader sionisti è stato duplice. Da un lato la creazione di uno Stato ebraico in Palestina, naturalmente, e dall’altro la creazione di un nuovo ebreo , libero una volta per tutte da quei tratti tipici della diaspora che i nuovi leader aborrivano intellettualità, debolezza fisica, sottomissione. L'esercito è stato visto come uno degli strumenti più importanti per raggiungere questo obiettivo; era certamente anche un valore in sé, ma soprattutto doveva rappresentare la massima espressione della sovranità ebraica e l'ingresso del nuovo ebreo nella modernità. Due gruppi di cittadini sono stati esclusi da questa costruzione la minoranza araba, ritenuta un ‘incidente di percorso’ nella costruzione dello Stato ebraico, e gli ebrei ortodossi, refrattari al progetto di integrazione nella nuova formazione dell'identità. Per questo entrambi i gruppi sono stati esentati dal servizio militare, e quindi anche dal collettivo nazionale, volendo essi stessi non esserne inclusi. Gli anni ‘80 hanno segnato tuttavia una svolta importante, con l'identità nazionale che si indebolisce a discapito delle diverse comunità di appartenenza. Questo processo risente sicuramente dell’'influenza dei progetti multiculturali di stampo anglo-sassone, ma anche e soprattutto dell'offensiva neoliberista che dà maggiore importanza all'individuo. E’ a questo punto che l' io ha sostituito il noi. Parte integrante di questo cambiamento sono anche alcuni atteggiamenti di demilitarizzazione e de-sacralizzazione dell'esercito. Oggi non fare più il servizio militare ha cessato di essere un tabù e ci sono molti giovani che conoscono ormai i trucchi per evitarlo si tratta della maggior parte delle ragazze e quasi un terzo dei ragazzi.
Menu
[[[[[[Aemme Viaggi Via Fiamme Gialle, 57 - 38037 Predazzo (TN) – Italy Tel +39 0462 502355 Fax +39 0462 502042 e-mail: info@aemmeviaggi.it.
Carta di credito]]]]]]
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Privacy PolicyOK