• » News
  • » ERITREA la STORIA

ERITREA la STORIA

Le vicende storiche italiane nel corno d'Africa. 18eri

ERITREA la STORIA
L'importanza di conoscere i dettagli della presenza italiana in Eritrea dalla convenzione di Assab del 1882 sino alla sconfitta dell'Italia ad opera degli inglesi nel 1941.
1882 
A Roma la firma della convenzione su Assab nel sud dell'attuale Eritrea difronte al Golf di Aden,  tra il Regno d'Italia e la societ genovese di navigazione Rubattino. 
L'atto impegnava lo Stato ad acquistare la baia di Assab in Eritrea per scopi commerciali e strategici.
Il 5 luglio dello stesso anno quell'area divent italiana.
1890 
lEritrea fu ufficialmente dichiarata colonia italiana, con capitale Massaua. 
1893 
Il Negus etiopico Menelik denunci il trattato di Uccialli volto a regolare i rapporti tra l'Impero d'Etiopia e il Regno d'Italia che venne disatteso da quest'ultimo.
Le controversie sul trattato di Uccialli furono una delle cause della successiva Guerra di Abissinia tra l'Italia e l'Etiopia, conclusasi con una netta sconfitta italiana.
1895
L'Italia continu la sua espansione verso l'entroterra (Axum, Macall, Adua) e nel settembre 1895 si svolse la Battaglia dell'Amba Alagi tra le truppe italiane e quelle etiopi, comandate dai Ras Makonnen, Alula e Mangasci.
Il presidio italiano comandato dal maggiore Pietro Toselli, composto da 2.300 uomini tra nazionali ed indigeni, venne assalito da circa 30.000 abissini; nello scontro, le forze italiane vennero completamente annientate.
1896 
Nella prima guerra italo-etiopica o campagna d'Africa orientale, gli italiani furono sconfitti ad Adua.
La sconfitta arrest per molti anni le ambizioni coloniali sul corno d'Africa.
1897
Asmara divenne capitale dell'Eritrea italiana nel 1897, principalmente per il suo clima favorevole all'insediamento di europei, essendo situata a circa 2.300 metri sul livello del mare.
1935 
LItalia invase lEtiopia. Laggressione fu sanzionata dalla Societ delle Nazioni, con un embargo pieno di buchi ma con leffetto di diffondere una parola dall'improvviso valore patriottico: autarchia. La penisola avrebbe detto addio alle importazioni, sarebbe bastata a se stessa. Niente caff, sostituito dalle bevande dorzo e di cicoria. Niente t, rimpiazzato dal carcad.
1936 
Conquista dell'Etiopia; tutte le colonie italiane del corno d'Africa furono unificate nella cosiddetta Africa Orientale Italiana (AOI)
La massima estensione dell'Eritrea fu raggiunta durante l'Impero italiano (1936-1941), quando territori settentrionali dell'Etiopia furono assegnati all'Eritrea come compenso per l'aiuto fornito dagli "scari" eritrei nella conquista italiana dell'Etiopia.
1938 
Attuate politiche di "superiorit razziale" nei posti pubblici eritrei a detrimento delle popolazioni di colore.
L'Eritrea fu scelta dal governo italiano come sede delle industrie nell'Africa Orientale Italiana.
1941 
L'esercito inglese sconfisse gli Italiani dopo la sanguinosa Battaglia di Cheren ed occup tutta l'Eritrea italiana, mettendola sotto amministrazione militare fino al 1947.
La prima cosa che fecero gli Alleati fu smantellare il sistema industriale eritreo come bottino di guerra inclusa la ferrovia Asmara-Massaua, smantellata e spedita parzialmente in Sud Africa, e la teleferica che collegava Asmara con il Mar Rosso.
1947 
l'Eritrea fu consegnata ufficialmente all'Etiopia, provocando l'inizio dell'esodo della comunit italiana dall'Eritrea.
1949 
la popolazione di Asmara era di 127.579 abitanti di cui 17.183 italiani, ma il loro numero si and assottigliando negli anni cinquanta. 
1962 
Limperatore etiope Haile Selassie decide di annettere in maniera completa lEritrea al proprio impero, scatenando una lunga guerra di indipendenza. 
1975
Con l'inizio dei conflitti tra l'Eritrea indipendente e l'Etiopia, il governo italiano istitu un ponte aereo per portare a Roma quasi tutti i membri della comunit italiana di Asmara.
Alla fine degli anni 70, si riapre prepotentemente il conflitto con lEtiopia: lesercito del Negus riesce ad occupare buona parte del Paese, sostenuto in campo internazionale anche dagli USA e dal blocco Alleati
1984 
Parte la controffensiva dei gruppi indipendentisti che riescono a liberare definitivamente il Paese nel 1991
1993 
Si tiene un referendum per decidere se lEritrea debba rimanere uno stato federato dellEtiopia o diventare uno Stato del tutto indipendente. Le votazioni, svolte sotto legida dellOnu, si concludono con ben il 99% dei voti favorevoli.
Alla guida di unEritrea ormai indipendente viene nominato il Presidente Isaias Afewerki, tuttoggi ancora in carica. 
2000 
Viene finalmente siglato ad Algeri un accordo di pace con lEtiopia che pone fine a 42 anni di incessante conflitto.

Oggi, con le dimensioni dell'esercito eritreo e il massiccio investimento nell'industria bellica, lEritrea fra i Paesi pi militarizzati del mondo e sotto osservazione speciale dellOnu a causa delle torture applicate in maniera sistematica ai prigionieri oppositori e non.
Buona parte degli eritrei scappa proprio dal servizio militare obbligatorio: sulla carta dovrebbe durare 18 mesi, ma secondo rapporti di Amnesty International moltissimi finiscono per svolgere la leva a tempo indeterminato. 
Human Rights Watch ha definito quella eritrea una delle pi feroci dittature del mondo che pu vantare ben 361 tra carceri e centri di detenzione.
Secondo la Ong Reporters sans frontires, lEritrea stata per anni il Paese meno libero del mondo.
La maggior parte degli eritrei, si stima il 9% della popolazione, fugge per evitare la leva obbligatoria e diventare schiavi del regime fra le maglie dellesercito. 
Non esistono partiti di opposizione e non possibile manifestare la propria contrariet al regime senza finire incarcerati.

Chi fugge dallEritrea lo fa verso lEuropa compiendo un viaggio di pi di 4.000 km attraverso il deserto: tutto parte dallEritrea Occidentale, dove i gruppi criminali raccolgono i profughi per farli espatriare prima in Sudan, dove vengono consegnati ai trafficanti nomadi che li guidano attraverso le rotte nel deserto verso lEgitto o la Libia. 

2018/agosto: oggi, dopo l'agognata pace con l'Etiopia, si sta aprendo un nuovo capitolo sulla via dello sviluppo e della auspicata democrazia nel paese. Nessuno avrebbe immaginato che il 2018 sarebbe stato un tempo di cambiamenti cos radicali nelle relazioni tra Etiopia ed Eritrea e pi in generale nella cornice geopolitica del Corno dAfrica.  

Eritrea: una nazione che sta cambiando pelle.  Le sue usanze, le sue tradizioni, le aspirazioni della sua societ, la pi giovane in particolare, saranno la base per catturare un futuro migliore.

[Richiedi informazioni]
[Richiedi ulteriori informazioni senza impegno]
  • [Digita il codice di controllo]
  • [(*) I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.]
[Inserisci un commento]
[Commento]
[nik name]
[Voto]
[Nessuno] 1 2 3 4 5
Menu
[[[[[[[Aemme Viaggi Via Fiamme Gialle, 57 - 38037 Predazzo (TN) Italy Tel +39 0462 502355 Fax +39 0462 502042 e-mail: info@aemmeviaggi.it.
Carta di credito]]]]]]]
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalit illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti alluso dei cookie.
Privacy PolicyOK