• » News
  • » MYANMAR e SAO KYA SENG ultimo sovrano ereditario della Birmania

MYANMAR e SAO KYA SENG ultimo sovrano ereditario della Birmania

L’ultimo Saophang. 18mya

MYANMAR e SAO KYA SENG ultimo sovrano ereditario della Birmania
Sao Kya Seng è stato l'ultimo saopha dello Stato di Hsipaw , Myanmar dal 1947 al 1959. 

Saopha significa letteralmente "signore dei cieli" e questo era un titolo reale usato dai sovrani ereditari degli Stati Shan semi-indipendenti in quello che oggi è il Myanmar orientale. 

E' stato un politico, un ingegnere minerario, un agricoltore. Ha studiato ingegneria mineraria negli Stati Uniti, dal 1949 al 1953 e li ha conosciuto Inge Eberhard, una studentessa austriaca di lingua tedesca, che successivamente ha sposato e dalla quale ha avuto due figlie. 

La loro storia è stata una fiaba moderna che si è sviluppata nell’East Haw, il palazzo reale di Hsipaw, nel Nord Est del Paese. 

Sao Kya Seng era considerato dagli Shan come uno dei leader nazionali dello Shan che promuoveva il federalismo e la democrazia. 
Fu arrestato nel 1962 dopo il colpo di stato birmano del 1962 del generale Ne Win . 
Il marito della signora Eberhard, Sao Kya Seng, finisce per essere detenuto dall'esercito prima di morire in circostanze misteriose.

La fiaba di questa coppia reale si interrompe il 2 marzo 1962 quando il generale Ne Win instaura la dittatura militare. 

Sparito Sao, come molti altri esponenti politici delle minoranze, Inge finisce agli arresti, prima a Hsipaw, poi a Rangoon. 
Cerca in tutti i modi di scoprire che fine ha fatto il marito, senza riuscirci,  finché, nel 1964, si rifugia con le figlie in Austria e poi negli Stati Uniti. 

La moglie di Sao Kya Seng, Inge, ha scritto un libro, Twilight Over Burma nel 1994 e tradotto in "La mia vita da principessa Shan"  sul suo matrimonio e racconta come la loro vita esotica sulle colline dello Stato Shan sia stata distrutta dal colpo di stato militare birmano del 1962.

Il libro è diventato film con il titolo Twilight Over Burma nel 2015 e successivamente è stato bandito sia in Myanmar che in Thailandia poichè censori hanno visto l'opera come dannoso per l'immagine dell'esercito.

Dal 1968 Inge Eberhard vive a Denver dove ha creato la ong «Burma Lifeline» e dove continua a lottare per i diritti civili dei birmani raccontando la sua storia. 

Per avere maggiori informazioni sui tour e viaggi di gruppo e individuali in Myanmar, Thailandia, Vietnam, Cambogia e sud est asiatico in genere vi preghiamo di telefonare alllo: 0462-502355. 
Chiamateci, diventeremo amici!
Richiedi informazioni
Richiedi ulteriori informazioni senza impegno
  • Digita il codice di controllo
  • (*) I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Inserisci un commento
Commento
nik name
Voto
Nessuno 1 2 3 4 5
Menu
Aemme Viaggi Via Fiamme Gialle, 57 - 38037 Predazzo (TN) – Italy Tel +39 0462 502355 Fax +39 0462 502042 e-mail: info@aemmeviaggi.it.
Carta di credito
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Privacy PolicyOK