CILE E TORRES DEL PAINE-YAMANI & MRS DIXIE

Biosfera dell'Umanit con 181.000 ettari e il blu predominate...

CILE E TORRES DEL PAINE-YAMANI & MRS DIXIE
PARCO NAZIONALE TORRES DEL PAINE
Dichiarato Riserva della Biosfera dellUmanit nel 1978, il Parco Nazionale Torres del Paine ha un estensione di 181.000 ettari e racchiude un ecosistema unico, composto da antiche foreste, vallate, ghiacciai, tra cui il Grey, appartenente al "campo de hielo Patagonico Sur" (un gigantesco ghiacciaio continentale in Patagonia che si trova nelle Ande meridionali, sulla linea di confine tra Cile ed Argentina)  fiumi, laghi (il Grey, il Peho, il Nordenskjld e il Sarmiento) e limpressionante complesso che comprende i Cerros del Paine, le Torres del Paine e i Cuernos del Paine. 

Questa area, come tutta la Patagonia, e' particolarmente interessante per il birdwatching, in quanto popolata da molte specie endemiche che possono essere osservate solo qua.

Laerea abitata da 26 specie di mammiferi come volpi, Guanaco, Huemul (una rara specie di cervo originaria delle regioni montuose di Argentina e Cile.)  Puma e da 118 specie di uccelli tra cui  Condor, fenicotteri, cigni dal collo nero e ibis. 

YAMANI, SELK'NAM, I FUEGINI 
Anticamente la zona era popolata da comunit indigene nomadi come i Tehuelche (Nativi Americani stanziata in Patagonia) ed erano piuttosto alti e quindi vennero conosciuti dagli europei con il nome di Giganti della Patagonia) 
Altri abitanti erano gli Ona (detti anche Selk'nam, una popolazione di Nativi Americani abitante gli estremi lembi australi dell'America meridionale, localizzata nella Terra del Fuoco a Sud-Est dello Stretto di Magellano, ormai estinta arrivarono in Argentina 10.000 anni fa) e gli Ymana che arrivarono nella zona alla ricerca di risorse naturali. 
Furono i Tehuelche, vedendo lincredibile profilo del complesso montagnoso che oggi chiamiamo Torres del Paine, a dargli il nome di paine che nella loro lingua significa blu (il colore predominante che riconobbero in lontananza). 

Gli antichi abitanti della Terra del Fuoco vennero chiamati Fuegini; una curiosit particolare spetta agli Ymani il popolo che viveva al freddo senza vestirsi resistendo alle basse temperature.
A questo riguardo proponiamo tre interessanti approfondimenti:uno di Focus, l'altro del Trentino e lo struggente incontro con l'ultimo degli Yamani,  
Impossibile mancare la storia dei Selknam la Trib Perduta della Terra del Fuoco in una nota di valore di Matteo Rubboli unita a fotografie significative dei loro rituali.

MRS DIXIE
Solo nel 1879 arriv il primo turista al Parco Nazionale Torres del Paine nella figura di Lady Florence Dixie, scozzese, scrittrice, corrispondente di guerra e femminista; una donna di grande temperamento con una vita avventurosa prima e dopo la spedizione sudamericana.
Lady Florence Dixie scelse di andare in Patagonia perch pochi europei, allora, vi avevano mai messo piede. 

Poiche in Patagonia la sopravvivenza della spedizione nel suo insieme dipendeva dalla partecipazione paritaria di tutti i suoi membri Lady F. Dixie condivise orgogliosamente le responsabilit e i pericoli della spedizione.

Frutto di quell'avventura fu il libro Across Patagonia dove racconto della spedizione e questo attir numerosi scienziati, interessati alla geologia e geografia dellarea.
Venne attirato da questa terra sconosciuta anche il missionario Alberto Maria Agostini (presbitero piemontese, geografo, esploratore alpinista, cartografo, fotografo, etnologo, scrittore, cineasta e naturalista italiano, famoso per le esplorazioni della Patagonia e della Terra del Fuoco)  grande appassionato di montagna che esplor il parco e intrecci rapporti di amicizia con le locali comunit indigene patagoniche.   
 


Richiedi informazioni
Richiedi ulteriori informazioni senza impegno
  • Digita il codice di controllo
  • (*) I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Menu
Aemme Viaggi Via Fiamme Gialle, 57 - 38037 Predazzo (TN) Italy Tel +39 0462 502355 e-mail: info@aemmeviaggi.it.
Carta di credito
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalit illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti alluso dei cookie.
Privacy PolicyOK